Prendersi cura dei tatuaggi: infezioni e allergie

rischi-tattooPiccoli o grandi, in bianco e nero o colorati, i tatuaggi rappresentano una decorazione corporea permanente.

Un tatuaggio però, nel momento in cui viene eseguito, causa anche delle lievi lesioni alla pelle con la conseguente possibilità che si verifichino infezioni o allergie se non si prendono i giusti accorgimenti.

Ecco perché quando decidete di tatuarvi, dovete tenere molto bene in considerazione alcuni aspetti legati alla prevenzione, onde evitare complicazioni e spiacevoli sorprese.

Vediamo insieme alcune precauzioni semplici ma efficaci, per stare lontani da infezioni e allergie provocate dai tattoo.

Durante il tatuaggio

  • Scegliete esclusivamente uno studio di tattoo con staff qualificato, in possesso di tutte le licenze e dei requisiti sulla sicurezza.
  • Controllate che il tattoist segua tutte le norme igieniche necessarie prima di iniziare il lavoro: lavarsi accuratamente le mani, utilizzare aghi e tubicini sigillati, sterilizzare le attrezzature che non sono usa e getta.
  • Verificate che l’ambiente di lavoro sia pulito.

Dopo il tatuaggio

  • Rimuovete la medicazione solo seguendo le indicazioni di tempistiche e modalità date dal vostro tatuatore. Di solito è bene far passare 24 ore e applicare una crema antibiotica.
  • Disinfettate accuratamente la zona tatuata facendo attenzione a non strofinare la pelle, meglio tamponare delicatamente.
  • Utilizzate una crema idratante per nutrire la pelle.
  • Cercate di non prendere sole almeno per un paio di settimane dopo aver fatto il tatuaggio. Sarebbe opportuno evitare di esporsi al sole/lampade anche nel periodo immediatamente precedente.
  • Date tempo alla vostra pelle di guarire: evitate di rimuovere le croste e prendetevi cura del tatuaggio per evitare il rischio di infezione.
  • Se vi sembra che il tattoo stia facendo infezione consultate subito il vostro medico.

Infezioni e allergie

Fare un tatuaggio comporta a tutti gli effetti una lesione cutanea che, se non trattata correttamente, può provocare reazioni ed infezioni alla pelle. Alcuni pigmenti per esempio (in particolare l’inchiostro rosso) possono dare luogo a rossori e pruriti, rigonfiamenti e inspessimenti. In altri casi, invece, è possibile che la pelle sia contaminata da batteri e si infetti, causando pus e dolori locali.

Per risolvere questi problemi è necessario rivolgersi il prima possibile al vostro medico curante, che vi prescriverà la cura più adatta, in cui di solito si abbinano antibiotici a creme apposite.

Ci sono infine delle situazioni più gravi che si verificano quando l’operatore non segue scrupolosamente le norme igieniche, utilizzando ad esempio dell’attrezzatura non sterilizzata: qui purtroppo i rischi sono più gravi; si possono contrarre infatti delle pericolose patologie infettive come il tetano, l’epatite B, l’epatite C o il virus dell’AIDS.

Ricordatevi: prevenire è meglio che curare.

 

Fonte immagine: http://it.lifestyle.yahoo.com/blog/i-feel-good/rischi-tatuaggi-temporanei-arrossamenti-vesciche-cicatrici-permanenti-071925680.html