Direttiva dell’Esercito: no a tatuaggi e piercing

La direttiva vieta a tutti i militari di avere tatuaggi e piercing nelle parti scoperte del corpo.

E’ stata emanata dal Ministero della Difesa la nuova direttiva che vieta a tutti i militari di avere tatuaggi e piercing nelle parti scoperte del corpo. Il divieto così categorico nasce sia dal fatto che spesso l’Esercito italiano si trova in missione in Paesi difficili del mondo, in cui un semplice simbolo può offendere la popolazione del luogo sia perchè la figura dello Stato non deve essere discreditata in alcun modo.

I controlli da parte della commissione saranno ferrei e possono anche portare all’esclusione di vari concorsi per entrare a far parte del corpo dell’Esercito.

Quale soluzione per tutti quei militari che hanno già un tatuaggio? Rimuovere il tatuaggio con il Laser, che garantisce risultati efficaci e praticamente indolori. Laser Medical Center, a tal proposito, offre il servizio di rimozione tattoo con l’innovativo Laser Q-switched, strumento di ultimissima generazione che consente di eliminare i tatuaggi in maniera delicata senza lasciare cicatrici.

Contattaci subito per prenotare la tua visita.

Per saperne di più sulla direttiva:

Direttiva Stato Maggiore dell’Esercito del 26 Luglio 2012

Articolo apparso su www.corriere.it il 17 Agosto 2012